martedì 16 agosto 2016

Recensione: "Uprooted" di Naomi Novik



Il romanzo vincitore del Premio Nebula 2016



L’adattamento cinematografico di "Uprooted" verrà prodotto prossimamente  dalla Warner Brothers, che ne ha già acquistato i diritti


Autrice: Naomi Novik
Serie: per ora, nessuna
Disponibile: in inglese
Trama:
"Agnieszka adora la sua valle, il suo villaggio, la foresta e il fiume dalle acque scintillanti che li percorre.
Ma i Boschi corrotti si stagliano lungo il confine, pieni di potere malvagio, e la loro ombra incombe da sempre sulla sua vita.
La gente di Agnieszka può fare affidamento, infatti, soltanto sul freddo, determinato mago conosciuto con il nome di Drago, per tenere a bada quella minaccia.
Ma lui richiede un prezzo terribile per il suo aiuto, e cioè che una giovane donna gli venga consegnata allo scopo di servirlo, per un periodo lungo dieci anni; un fato quasi altrettanto terribile che cadere nelle grinfie del Bosco stesso. 
La prossima scelta si sta avvicinando in fretta, e Agnieszka è spaventata. E' sicura - come il resto del villaggio - che il Drago prenderà Kasia: la bellissima, graziosa, coraggiosa Kasia, che incarna proprio tutto ciò che Agnieszka non sarà mai, oltre a essere la sua più cara amica al mondo.
Ma Agnieszka teme la cosa sbagliata.
Perché, quando il Drago alla fine farà la sua comparsa, non sarà Kasia colei che sceglierà di prendere..."



Come scrivevo qualche giorno fa su Goodreads, “Uprooted” è il libro che mi ha fatto tornare in mente tutte le qualità e le virtù che mi hanno fatto innamorare del fantasy in prima istanza.
Non voglio passare per snob, o fare la parte della fangirl invasata, ma stavolta devo proprio confessarlo...
Se vi capiterà di leggere questo splendido romanzo di Naomi Novik e non apprezzarlo affatto, ci sarà un solo consiglio che potrò ragionevolmente pensare di darvi, e sarà quello di provare a lanciarvi su tutto un altro genere di letture.

La trama di “Uprooted”, solo apparentemente semplice e lineare (la premessa ricorda vagamente quella de “L’ Accademia del Bene e del Male” di Soman Chainani), è in realtà talmente complessa e imprevedibile da lasciare a corto di parole.
Si tratta di una storia pensata per un pubblico di lettori adulti, che tuttavia non mancherà, secondo me, di incantare anche gli adolescenti dai gusti un po’ più maturi.
Tutto ha inizio nel piccolo villaggio di Dvernik, un minuscolo e pittoresco centro abitato situato in una valle incantevole; in questo luogo magico, fiabesco e quasi fuori dal tempo vive la protagonista Agnieszka, una ragazza di diciassette anni nata e cresciuta all'ombra rappresentata dal Bosco, un luogo malvagio popolato da mostruose creature al servizio di un’antica entità primordiale.
L'unica protezione contro il Male è la magia di uno stregone freddo, aristocratico e distante che si fa chiamare il Drago; un uomo dall’aspetto ingannevolmente giovanile che, ogni dieci anni, scende dalla sua torre per esigere dagli abitanti della valle un tremendo sacrificio…

Svelare di più sarebbe un peccato, dal momento che, come vi dicevo, la trama di “Uprooted” è ricca di colpi di scena e di sorprese; vi anticiperò soltanto che il viaggio di Agnieszka alla scoperta di se stessa si rivelerà denso di scoperte inquietanti, azione e  mistero, fra un pericolo e l’altro, un oscuro incantesimo proveniente da un bestiario che non ha nulla da invidiare al Necronomicon di Lovecraft e un intrigo alla George Martin; una disperata battaglia per la sopravvivenza che richiama da vicino gli assedi all'ultimo uomo descritti da Tolkien e un sistema magico elaborato e complesso che, secondo me, avrebbe riscosso l’approvazione di Ursula Le Guin in persona.

L'ambientazione del romanzo risulta parimenti notevole. A fornire la fondamentale cornice per l'instaurazione dell'intero world building provvede il ricco patrimonio costituito dalle fiabe popolari russe/polacche, alle quali la Novik si richiama direttamente; una precisazione necessaria, considerando il fatto che l'intero romanzo si propone di esplorare, fra le tante cose, il rapporto viscerale e complicato con le proprie radici, la propria terra natale, nel bene e nel male.

Un altro elemento chiave del successo di “Uprooted” è dato dalla splendida combinazione fra classico e moderno, a mio avviso: temi classici e ormai collaudati nell'ambito della narrativa di genere (la guerra fra Bene e Male, la disperata missione di salvataggio nella foresta incantata, eccetera, eccetera...) convivono con grazia e naturalezza accanto ad alcune tematiche portate a galla da alcuni dei più potenti e significativi romanzi YA degli ultimi anni.
Fra le pagine di “Uprooted”, quindi, trovano spazio non soltanto sentimenti "universali" quali onore, amore e spirito di sacrificio, ma anche le complesse dinamiche dell'amicizia, e in particolar modo quella femminile (il rapporto con Kasia, il mio personaggio preferito del libro, risulta ad esempio al tempo stesso credibile, coinvolgente e toccante…), del bisogno di auto-affermazione, del rapporto con i propri genitori e con la propria terra natale.
Il tutto condito da ben più di una semplice spruzzata di folclore, e narrato dalla voce vitale e vibrante di passione di un'eroina carismatica, motivata e completamente anticonvenzionale.

L'ultima nota, infine, voglio spenderla a favore del Drago, un personaggio indimenticabile; e infatti sfido chiunque ad arrivare alla fine di “Uprooted” senza innamorarsi perdutamente del suo sarcasmo, del suo autocontrollo, del suo fascino sobrio e a tratti - per via del buffo contrasto con l'esuberante Agnieszka - addirittura esilarante.


Trama: 9.5/10
Personaggi: 9.0/10
Ambientazione: 10/10
Stile: 9.0/10
Coinvolgimento emotivo: 9.5/10

Verdetto finale: 9.5/10


Girl Power:





8 commenti:

  1. La cover è bellissima e la tua recensione mi ha incuriosita moltissimo. Credo che potrebbe essere una delle mie prossime letture in lingua!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima idea, Virginia: veramente ottima! *_____*
      Spero che ti piacerà... in realtà, ne sono quasi sicura: la Novik è una rivelazione, e un giorno questo suo libro verrà considerato un piccolo classico! ;D

      Elimina
  2. *O* lo vogliooooo in italiano però XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che basterà pazientare un po'...
      Potrebbe volerci del tempo, ma non appena uscirà il film (e pare abbastanza sicuro che accadrà) le case editrici italiane faranno a botte per aggiudicarsi i diritti, come sempre succede! ^_____^

      Elimina
  3. A questo punto non posso non inserirlo in WL *^*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi, Kate, devi assolutamente! :D
      Anche perché sono troppo curiosa di scoprire la tua opinione! ^____^

      Elimina
  4. Mi ispira tantissimo e la cover è stupenda! Penso proprio che lo prenderò *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che a me l'edizione rilegata piaceva così tanto, che non sono assolutamente riuscita ad accontentarmi del paperback (che pure costa dieci euro abbondanti in meno! XD). Meno male che ne è valsa la pena: è un libro meraviglioso, provare per credere! *____*

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...