sabato 23 aprile 2016

Recensione: "Il Libro della Giungla" (film)


Titolo originale: The Jungle Book
Regia: Jon Favreau
Anno: 2016

"Basato sui racconti senza tempo di Rudyard Kipling e ispirato al classico d'animazione Disney, Il Libro della Giungla è un'epica avventura live action, che vede protagonista Mowgli, un cucciolo d'uomo cresciuto da una famiglia di lupi. Mowgli è costretto a lasciare la giungla quando la temibile tigre Shere Khan, segnata dalle cicatrici dell'uomo, giura di eliminarlo per evitare che diventi una minaccia. Costretto ad abbandonare la sua unica casa, Mowgli s'imbarca in un avvincente viaggio alla scoperta di se stesso, guidato dal suo severo mentore, la pantera Bagheera e dallo spensierato orso Baloo. Lungo il cammino, Mowgli s'imbatte in creature selvatiche non proprio amichevoli, tra cui il pitone Kaa, che ipnotizza il cucciolo d'uomo con il suo sguardo e la sua voce seducente, e King Louie, il sovrano adulatore che tenta di costringere Mowgli a rivelargli il segreto del mortale e sfuggente fiore rosso: il fuoco."


Giorni fa ho ricevuto un invito a sorpresa per andare a vedere “Il Libro della Giungla”, un film di produzione disneyana al quale ero moderatamente interessata, ma che ero tutt’al più intenzionata a recuperare più avanti, direttamente in home video.

Sono stata comunque lieta che mi si sia presentata l’occasione di assistere all’ultima fatica di Jon Favreau (regista di “Iron Man” e “Cowboys & Aliens”) con largo anticipo rispetto alle mie previsioni iniziali; tanto più che “Il Libro della Giungla” si è dimostrato un emozionante e coinvolgente film d’avventura per famiglie, riuscendo di gran lunga a superare le mie aspettative.


Da ragazzina ho visto il cartone animato, anche più di una volta, come tutti. 
Il piccolo Mowgli mi ha sempre lasciata un po’ indifferente, ma non posso rinnegare, oggi, il mio grande amore per gli eccentrici e carismatici abitanti della giungla: la saggia e leale pantera Bagheera, lo scanzonato orso Baloo, la dolce e materna lupa Raksha, l’implacabile e spietata tigre Shere Khan…  Ritrovarli nel film di Favreau, identici in tutto e per tutto a come li ricordavo, mi ha causato una piccola fitta di autentica commozione.


E’ stato attraverso le loro gesta, il loro codice d’onore e la loro particolarissima visione della vita, che ho iniziato a lasciarmi trascinare dal ritmo incalzante e avventuroso della sceneggiatura; grazie alla loro presenza carismatica, misteriosa e magnifica, ho finalmente potuto apprezzare l’odissea del Cucciolo d’Uomo, e scoprire con piacere, ne “Il Libro della Giungla”, un film che parla di diversità, forza interiore e accettazione, e che incoraggia i ragazzi a rimanere se stessi, per il bene della comunità quanto per amore di se stessi e del proprio futuro.


Il piccolo Neel Sethi, dal canto suo, interpreta il ruolo del protagonista con grazia e convinzione, e una naturalezza che ti spinge a sorridere e a parteggiare per lui in ogni circostanza. 
Ho provato una punta di rammarico, certo, all’idea di non aver potuto ascoltare le voci del cast originale designato per il film: le interpretazioni di attori del calibro di Idris Elba, Bill Murray, Scarlett Johansson, Ben Kingsley e Lupita Nyong'o difficilmente possono sperare di essere eguagliate… c’è da dire però che i nostri Tony Servillo, Violante Placido, Nerì Marcorè e Giovanna Mezzogiorno si sono difesi sorprendentemente bene, considerando le circostanze.


L’unica cosa di cui avrei fatto volentieri a meno, sono quelle dannate, dannate canzoni: non le sopportavo da bambina, non le reggo neanche adesso…  grazie al cielo, soltanto due sono state inglobate all’interno del film di Favreau, le più famose:  “Lo stretto indispensabile” cantata da Baloo e “Voglio essere come te” del malvagio re delle scimmie Loui.

Per il resto, il mio più grande plauso alla produzione: il film è divertente, emozionante, esteticamente coinvolgente e ricco di humor e di calore… So che è già in cantiere un sequel e, anche se una parte di me trema al solo pensiero, da un altro punto di vista sono sinceramente curiosa di scoprire cosa accadrà a Mowgli quando comincerà a diventare un po’ più grandicello.


Regia: 7.5/10
Sceneggiatura: 8.0/10
Cast: 7.5/10
Scenografie: 8.5/10
Colonna sonora: 7.5/10
Coinvolgimento emotivo: 8.0/10

Verdetto finale:  8.0/10




12 commenti:

  1. Corro al cinema proprio stasera ;)

    RispondiElimina
  2. Sarà che non ho mai nutrito molta simpatia per il cartone, ma questo film continua a non ispirarmi per nulla. Però recensioni come la tua mi stanno facendo crescere la voglia di recuperarlo in home video :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai stato neppure uno dei miei preferiti, Kate, te lo assicuro, malgrado amassi i personaggi "animali"; eppure, secondo me, quello di Favreau è un gran bel film... :D

      Elimina
  3. anche io avevo avuto le tue stesse sensazioni e volevo recuperarlo in home video, e a questo punto dovrò farlo dato che in questo periodo non faccio in tempo ad andare al cinema...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda il lato positivo: in dvd o bluray potrai selezionare l'audio originale e gustarti i doppiatori "veri" del film... un'esperienza che anch'io mi prometto di fare il prima possibile, del resto! ^___^

      Elimina
  4. Io sapevo che doveva uscire un "Tarzan" in questo periodo, ma non ho capito se è questo uscito in Italia con un titolo diverso oppure si tratta di un film a parte O_O comunque spero di andare al cinema in questi giorni a vederlo! Adoravo il cartone della disney *w*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono due film distinti, Giusy: "The Legend of Tarzan" dovrebbe uscire a luglio, se non sbaglio, e avrà nel cast Margot Robbie e Alexander Skarsgard! ;D
      Mi suscita parecchia curiosità anche quello: spero di riuscire ad andarlo a vedere, anche se non sono proprio sicurissima, perché in quel periodo usciranno diversi titoli interessanti.. ^____^

      Elimina
  5. Ciao👋 a me è piaciuto moltissimo il classico film Disney!❤ Questa versione invece la guarderò solo in dvd! 😊 Mi ha fatto piacere leggere la tua recensione, anch'io ho scritto del Libro della giungla sul mio blog, ecco il link ➡ http://www.google.it/url?q=http://gattaracinefila.blogspot.com/2016/04/il-14-aprile-siete-pronti-tornare-nella-giungla.html! Buona domenica!😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazia, Vanessa! ^____^
      Pensa che a me, il film d'animazione non è mai piaciuto in modo particolare (neppure il contrario, in realtà). Questa nuova versione, invece, a sorpresa mi ha proprio convinta! :D

      Elimina
  6. Il film della Disney non mi piaceva molto da piccola, però avevo una serie di libri+vhs che si compravano in edicola (tipo una 40ina) con la storia di Mowgli e dei suoi amici della giungla e lo adoravo!!!
    Questo film mi incuriosisce parecchio, soprattutto dopo la tua recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' mooooolto carino, fidati! ^____^
      Poi, anch'io non ho mai sviluppato grande affetto nei confronti del cartone... ma amavo anch'io i personaggi "animali" del film, questo è certo! ;D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...